POTENZIAMENTO E CERTIFICAZIONE ESTERNA DELLE LINGUE STRANIERE (PtOF)

Scritto da Stefano Degl'Innocenti. Inserito in POTENZIAMENTO E CERTIFICAZIONE ESTERNA DELLE LINGUE STRANIERE

TITOLO PROGETTO
LINGUE STRANIERE POTENZIAMENTO E CERTIFICAZIONE LINGUE  
Attuazione PtOF 2018 2019
Priorità 2  
P03 - Progetti per "Certificazioni e corsi professionali"  
Tipologia
Progetto avente natura annuale  
DOCENTE RESPONSABILE
NENCIONI Donatella, VIRDIS Marcella  
ANALISI DEI BISOGNI
L’origine di questo progetto risale all’anno scolastico 1999-2000 quando il nostro liceo aderi’ al Progetto Ministeriale Lingue 2000. Da allora la nostra scuola ha attivato corsi pomeridiani per la certificazioni esterne di lingue straniere (Inglese,Francese,Tedesco e Spagnolo laddove la richiesta abbia consentio la formazione di classi) per venire incontro alla sempre piu’ crescente esigenza delle famiglie di potenziare la formazione linguistica dei propri figli, cittadini dell’Europa e del mondo di domani.Il progetto e’ da noi attivo da vari anni ed il suo successo e’ comprovato dal sempre piu’ folto numero di iscrizioni e dall’alta percentuale di successo negli esami, stimabile intorno al 90 %. Le 40/50 ore di corso, previo superamento dell’esame finale con conseguente diploma, sono riconosciute dal nostro liceo come attività del percorso in Alternanza Scuola-Lavoro.  
DESTINATARI
Alunni di tutte le classi, Utenza esterna, Nel progetto sono stati inclusi negli ultimi due anni anche corsi per docenti e personale ATA anche se tali corsi non sono specificamente finalizzati all’acquisizione della certificazione  
FINALITÀ
Il superamento dell’esame finale ed il conseguimento del diploma, valido e riconosciuto a livello europeo, oltre che da quasi tutte le universita’ come crediti (sostitutivi) degli esami di lingua, costituiscono titolo per il credito formativo. Tutti i certificati sono certificati internazionali, riconosciuti in tutto il mondo sia per il lavoro che per lo studio perche’ adeguati ai livelli di competenza linguistica definiti nel Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue  
OBIETTIVI
Pet (B1) :attesta la conoscenza della lingua parlata e scritta a livello "intermediate" : gli studenti sostengono conversazioni su temi di interesse generale ed esprimono le proprie idee iniziando,inoltre,a trattare anche problemi e situazioni piu’ specifici. E’ riconosciuto da molte facolta’ italiane come credito per la conoscenza della lingua e, a livello europeo, come titolo per ottenere un impiego soprattutto dove la lingua parlata e’ necessaria. First (B2) :attesta la conoscenza della lingua parlata e scritta a livello "upper intermediate": gli studenti esprimono opinioni, riassumono brevi storie e danno dettagliate istruzioni. E’riconosciuto da molte facolta’ italiane come credito per la conoscenza della lingua; dà titolo per accedere ai programmi di scambio (Socrates e Erasmus) in molte facoltà all’estero Cae (C1) :attesta la conoscenza della lingua parlata e scritta a livello avanzato: gli studenti usano la lingua con vocaboli ed espressioni appropriati per trattare svariati argomenti; alcune universita’ lo accettano come certificato di conoscenza della lingua per gli studenti italiani.  
COLLABORAZIONI
British Institute, Grenoble Institute, Goethe Institute, Cervantes Institute  
DURATA
Da fine Ottobre 2018 a fine Maggio 2019  
Fase 1
Operazioni preliminari di informazione sull’attivazione del Progetto e sulle modalità di iscrizione ai corsi (Comunicazioni, assemblea pomeridiana con le famiglie e gli allievi , colloqui individuali con i genitori e gli studenti, mail, telefonate etc.). Questa fase si articola durante i mesi di Settembre e di Ottobre e si prefigge di informare l’utenza in modo corretto e dettagliato.  
Fase 2
Somministrazione del test ingresso per l’accesso ai corso B1 di Inglese solo agli alunni frequentanti le classi prime del liceo. Somministrazione del test ingresso per l’accesso al corso B2 di Inglese per gli alunni sprovvisti di certificazione B1. Sommi  
Fase 3
L’attuazione delle 40/50 ore di ogni corso si articola dalla fine di Ottobre alla fine di Maggio . Contenuti: trattazione degli argomenti sintattico-grammaticali e lessicali attinenti ai vari livelli linguistici; sviluppo delle abilità di Speaking, Listening, Reading and Writing afferenti ai tre livelli proposti dei corsi. Risultati attesi: potenziamento delle competenze linguistiche. Questa fase centrale sarà costantemente monitorata e supportata dalle referenti del progetto attraverso il costante contatto con le/i docenti dei corsi, le famiglie le /gli studentesse/studenti e gli enti certificatori esterni .  
Fase 4
Esame finale presso gli enti certificatori. L’esame si svolge in due mezze giornate che potrebbero anche coincidere con l’orario scolastico.  
Fase 5
 
Fase 6
 
Fase 7
 
Fase 8
 
Fase 9
 
METODOLOGIA
Le lezioni, tenute esclusivamente in lingua straniera, sono interattive per stimolare il costante uso della lingua straniera. Le docenti e i docenti, pur nel rispetto delle loro diversità, avranno cura di dedicare uguale attenzione alle abilità linguistic  
DOCENTI INTERNI
 
DOCENTI ESTERNI; PERSONALE ESTERNO
Prof. Francesco Calanca , Prof.ssa Maria Annabelle Gillis, Prof.ssa Maria Grech, Prof.ssa Cristina Milazzo, , Prof. Lorenzo Orlandini  
MONITORAGGIO VALUTAZIONE
Questionario finale rivolto agli studenti e alle docenti, interne ed esterne, sulla qualità ed efficacia dell’organizzazione e della didattica; valutazione statistica del numero di studenti che superano l’esame.  
DOCUMENTAZIONE
Registri e relazione dei docenti e relazione finale delle referenti  

Potenziamento Lingue - Iscrizione ESAMI B1-B2-C1

Scritto da Stefano Degl'Innocenti. Inserito in POTENZIAMENTO E CERTIFICAZIONE ESTERNA DELLE LINGUE STRANIERE

Certificazioni Lingua Straniera Inglese presso il British Institute of Florence

Sessioni di esame di dicembre 2015, relative agli alunni che o non hanno superato o non hanno sostenuto la sessione di giugno.

Si informano gli alunni interessati agli esami per le certificazioni linguistiche di Inglese del British Institute di Firenze (B1-PET, B2-FCE e C1-CAE) che sono aperte le iscrizioni per la sessione d’esame di dicembre 2015.

Entro e non oltre lunedì 5 ottobre 2015, pena l'esclusione dalla sessione di esame, gli alunni dovranno portare in Segreteria:

  1. La domanda di iscrizione all'esame, redatta sul modulo allegato alla circolare n 22
  2. Il modulo della privacy, debitamente firmato, anch'esso allegato alla circolare n 22
  3. Il bollettino o altra ricevuta relativa al pagamento della quota di iscrizione all'esame

     Scarica i moduli dalla circolare:   2015 2016 n 022 convocazione riunione genitori e calendario esami sessione dicembre 2015

Per ulteriori chiarimenti o informazioni gli studenti possono rivolgersi alle docenti referenti del Progetto Prof.ssa Donatella Nencioni e Prof.ssa Marcella Virdis.

CERTIFICATI E LIVELLI

Scritto da Stefano Degl'Innocenti. Inserito in POTENZIAMENTO E CERTIFICAZIONE ESTERNA DELLE LINGUE STRANIERE

I certificati ottenibili, previo superamento dell'esame finale, sono certificati internazionali, riconosciuti in tutto il mondo sia per lavoro che per studio perché adeguati ai livelli di competenza linguistica definiti nel Quadro Comune Europeo di Riferimento per le lingue.

In particolare , per tutte le lingue:

PET (B1)   attesta la conoscenza della lingua scritta e parlata a un livello intermedio ed è accettato  e riconosciuto  da molte facoltà delle università italiane come crediti per la conoscenza della lingua e  a livello europeo come  titolo per ottenere un impiego soprattutto  dove  la lingua parlata  è necessaria, es. come impiegati o segretari.  In particolare per il tedesco, il conseguimento della certificazione B1 permette di ottenere subito l'Erasmus in Germania senza l'esame della lingua tedesca, il conseguimento del B2 è un'ulteriore  attestazione di prestigio.

FIRST (B2)   attesta la conoscenza della lingua  scritta e parlata a livello post-intermedio ed è accettato e riconosciuto  da molte facoltà delle università italiane come crediti per la conoscenza della lingua; dà titolo per accedere ai programmi di scambio (Socrates e Erasmus) e per il francese consente di accedere a università che danno doppio titolo e di iscriversi a università francesi;  a livello europeo è accettato da tutti i datori di lavoro e  molte  università  dove la lingua  scritta e parlata a questo livello  è necessaria.

CAE (C1)   attesta la conoscenza della lingua scritta e parlata a livello avanzato; alcune università inglesi lo accettano come certificato di conoscenza della lingua per gli studenti italiani senza bisogno di ulteriori esami per accedere alle università. Per il tedesco la certificazione C1 esonera dal test di ammissione in numerosi politecnici e in alcune università tedesche.

TEATRO IN LINGUA - PALKETTO STAGE AL PUCCINI (PtOF)

Scritto da Stefano Degl'Innocenti. Inserito in PALKETTO STAGE

TITOLO PROGETTO
TEATRO IN LINGUA-PALKETTO STAGE  
Attuazione PtOF 2018 2019
Priorità 1 e 2  
P02 - Progetti in ambito "Umanistico e sociale"  
Tipologia
Progetto avente natura annuale  
DOCENTE RESPONSABILE
NENCIONI Donatella, VIRDIS Marcella  
ANALISI DEI BISOGNI
Il progetto è da anni attivo nella scuola anche se solo da qualche anno formalmente presentato all’interno del POF. La sua esistenza nasce dall’esigenza sia delle docenti di far vivere l’esperienza del teatro in lingua originale, arricchendo pertanto la mera conoscenza dei testi letterari letti in classe, sia degli studenti di vedere una rappresentazione allestita e recitata da attori madrelingua in un vero teatro.  
DESTINATARI
Alunni di tutte le classi  
FINALITÀ
Avvicinare gli studenti alla cultura del Paese di cui studiano la lingua  
OBIETTIVI
1. Migliorare le abilità linguistiche, con particolare enfasi sulle abilità di comprensione orale 2. Migliorare le capacità di "lettura" e interpretazione dei testi teatrali affrontati nella didattica curriculare di classe  
COLLABORAZIONI
Teatro Puccini Teatro Il Palketto  
DURATA
Un paio di ore circa per le attività propedeutiche allo spettacolo, due ore circa per la partecipazione allo spettacolo teatrale ed eventualmente altre due ore circa per le attività di rielaborazione dell’esperienza fatta.  
Fase 1
Contattare Il Palketto Stage per prendere accordi.  
Fase 2
Inviare fax di conferma della prenotazione.  
Fase 3
Recarsi al teatro Puccini con gli studenti con altro/i docenti per accompagnamento.  
Fase 4
Rielaborazione in classe.  
Fase 5
 
Fase 6
 
Fase 7
 
Fase 8
 
Fase 9
 
METODOLOGIA
Ogni singola insegnante che aderisce al progetto si ritiene libera di usare le strategie e metodologie che riterrà più congeniali alla sua programmazione. Anche per quanto riguarda le fasi precedentemente descritte, esse non si ritengono vincolanti per tu  
DOCENTI INTERNI
 
DOCENTI ESTERNI; PERSONALE ESTERNO
 
MONITORAGGIO VALUTAZIONE
Monitoraggio e valutazione fanno parte del piano di lavoro e della relazione finale di ogni singolo docente interessato al progetto  
DOCUMENTAZIONE
Come sopra  

Gruppo Teatrale

Scritto da Stefano Degl'Innocenti. Inserito in Gruppo Teatrale

Il Gruppo di Teatro ha le sue referenti nelle prof. L. Manfredi (assistente alla regia e costumi) e Livia Morescalchi ed è diretto daI registI Duccio Baroni e Gabriele Giaffreda: regia, scrittura drammaturgica, allestimento in teatro, che hanno continuato l'opera del regista S. Massini. Le attività che hanno permesso alla nostra scuola di avere un percorso di alto valore socializzante, utile alla formazione complessiva degli studenti e delle studentesse, oltre che averle dato il piacere di vincere diversi attestati e premi nei concorsi teatrali per le scuole della Regione.

Per l'anno 2018 l'allestimento in teatro ha coinvolto Maria Capozza, Beatrice Boldrini del Liceo artistico L.B.Alberti. Nicola Cellai (Leoband) ha curato le musiche.  

LABORATORIO TEATRALE (PtOF)

Scritto da Stefano Degl'Innocenti. Inserito in LABORATORIO TEATRALE

TITOLO PROGETTO
LEONLAB LABORATORIO TEATRALE  
Attuazione PtOF 2018 2019
Priorità 1 e 2  
P02 - Progetti in ambito "Umanistico e sociale"  
Tipologia
Progetto Pluriennale (continuazione di un progetto in corso)  
DOCENTE RESPONSABILE
MANFREDI Lucia  
ANALISI DEI BISOGNI
Il laboratorio teatrale LeonLab del Liceo scientifico "Leonardo da Vinci" di Firenze esiste ormai da quasi venti anni e ha dato ottima prova di sé raggiungendo spesso un livello degno del teatro di professione. In questi anni di attività ha mostrato la sua versatilità mettendo in scena opere molto diverse: da Shakespeare, con "Molto rumore per nulla" , "Sogno di una notte di mezza estate", "Amleto", alle novelle del "Decameron"; dall’adattamento del "Cyrano" di Rostand, al "Candide" di Voltaire, a "L’uomo di Pietroburgo" di Gogol, fino a "L’asino d’oro" di Apuleio. Nel 2009 è stata la volta della commedia antica, con gli "Uccelli" di Aristofane, mentre nel 2010 abbiamo proposto "Il ritratto di Dorian Gray "di Oscar Wilde. Il Liceo Leonardo Da Vinci di Firenze è stato inserito nel percorso sulla legalità della Regione Toscana, poiché ha inteso approfondire i temi costituzionali sulla qualità sociale e ambientale del lavoro osservandoli "dall’interno", nelle dinamiche che percorrono l’attività del laboratorio. Nell’ anno scolastico 2015-16 un ritorno agli antichi amori, con "L’isola, adattamento di Stefano Massini da "La Tempesta di Shakespeare, che ha potuto fruire del finanziamento della Fondazione Marchi, vincendo la gara per i progetti scolastici. Successivamente, gli studenti si sono immersi nelle insondabili profondità del cuore umano con "Adele H.," di Stefano Massini, mentre l’anno scorso è stata la volta di Molière, che ha invitato gli studenti (attori e spettatori) a riflettere sulla propria coscienza civica, sul rapporto con le istituzioni, sul ruolo di vigilanza di ciascun cittadino nei confronti di ogni forma di prevaricazione. Il LeonLab è ora inserito nel Progetto di Alternanza Scuola-Lavoro come Impresa simulata ed è articolato in: Laboratorio teatrale LeonLab (attori/attrici), Amministrazione e Pubblicità, Costumi, Scenografie, "Giornalista per un giorno". Questo grazie a un solido team che collabora con entusiasmo e dedizione. Lucia Manfredi e Livia Morescalchi si occupano del laboratorio, collaborando per l’organizzazione, i rapporti con gli Enti esterni, l’assistenza alla regia, i costumi e l’allestimento scenografico. Il regista e drammaturgo Stefano Massini ha guidato fino al 2014 l’adattamento drammaturgico e la regia dei vari spettacoli; il suo lavoro è stato ereditato dai suoi discepoli, Duccio Baroni e Gabriele Giaffreda, con risultati eccellenti. Il lavoro laboratoriale segue tappe di apprendimento calate sulle necessità degli allievi con esperienze di improvvisazione e di studio del personaggio. La sceneggiatura viene pensata per garantire a ciascun partecipante il suo ruolo e la sua parte di battute e presenza scenica. In occasione dell’allestimento si costituiscono anche gruppi di ricerca azione e la divisione dei compiti viene effettuata secondo le attitudini, dal lavoro sui costumi al montaggio scenografico. Anche quest’anno per le scenografie avremo la collaborazione del Liceo artistico "Leon Battista Alberti " : ciò permetterà agli studenti che lo desiderino del nostro Liceo di avvalersi del laboratorio e della consulenza dei docenti dell’artistico, cimentandosi nella preparazione degli allestimenti.  
DESTINATARI
Alunni di tutte le classi  
FINALITÀ
Il linguaggio teatrale costituisce sia un eccellente strumento per l’inclusione e la prevenzione del disagio scolastico, sia un veicolo per la trasmissione di idee e valori. Il progetto del Laboratorio teatrale acquista piena autorità formativa per i valori di orientamento e crescita della persona, recupero del disagio, inclusione, apprendimento di conoscenze e competenze specifiche della cultura letteraria e linguistica: da vari anni, perciò, il progetto è inserito nel piano dell’offerta formativa del Liceo ed è diventato stimolo per altre attività integrative curricolari come la Storia del teatro, la Lettura espressiva, l’attività di Critica teatrale.  
OBIETTIVI
a. Educare alla socialità grazie al lavoro di gruppo, che permette di realizzare una interazione collaborativa e amichevole fra studenti di età, classi e scuole diverse, valorizzando la varietà degli aspetti psicologici ed emotivi dell’adolescenza. Tempi previsti per il raggiungimento di questo obiettivo: tutto il periodo di realizzazione dell’attività. b. Educare all’ intercultura come arricchimento condiviso grazie al coinvolgimento di studenti di varie nazionalità attraverso la valorizzazione di elementi multiculturali negli spettacoli del Laboratorio teatrale. Tempi previsti per il raggiungimento di questo obiettivo: tutto il periodo di realizzazione dell’attività. c. Stabilire una relazione proficua del laboratorio con le strutture e le attività culturali del territorio fiorentino. Tempi previsti: fase iniziale di programmazione e fase finale di realizzazione del progetto. d. Potenziare le abilità critiche e linguistiche con l’arricchimento del patrimonio lessicale. Tempi previsti per il raggiungimento di questo obiettivo: da ottobre a gennaio/febbraio e. Sviluppare le capacità di integrare organicamente codici comunicativi diversi, specie linguistico e gestuale. Tempi previsti per il raggiungimento di questo obiettivo: da ottobre a dicembre. f. Allestire una rappresentazione che sappia fondere armonicamente i vari aspetti dell’espressione teatrale. Tempi previsti per il raggiungimento di questo obiettivo: da marzo a fine maggio. g. Attuare percorsi che permettano agli studenti di avvicinarsi al mondo del lavoro sia in ambito teatrale (costumi, scenografie, illuminotecnica) che giornalistico, con la produzione di un articolo di giornale o di una recensione o di una intervista afferenti allo spettacolo teatrale del Leonlab 2018-2019 (20-21 maggio 2019). Tempi previsti per il raggiungimento di questo obiettivo: da gennaio a fine maggio. h. Promuovere l’attenzione all’evento teatrale in tutte le sue implicazioni di ordine letterario, drammaturgico, scenico, umano. Tempi previsti per il raggiungimento di questo obiettivo: da marzo a giugno. i. Sviluppare e rafforzare le abilità di scrittura giornalistica. La tipologia della prova potrà essere modificata in considerazione delle nuove disposizioni ministeriali per l’Esame di Stato. Tempi previsti per il raggiungimento di questo obiettivo: da febbraio a giugno. I risultati saranno documentati con video delle prove e dello spettacolo e con gli elaborati prodotti per il concorso giornalistico.  
COLLABORAZIONI
Teatro di Rifredi; Ass. Culturale Effetto notte di A. Brandi; La Nazione Firenze; Liceo artistico "L.B.Alberti" Firenze (referenti per l’indirizzo scenografico Prof.sse Maria Capozza e Beatrice Boldrini)  
DURATA
Il progetto si svolge nel corso dell’intero anno scolastico, si articola nelle fasi indicate di seguito, normalmente scandite da un incontro settimanale nei mesi da ottobre a maggio.  
Fase 1
Laboratorio teatrale FASE I. Ottobre, novembre e dicembre FONDAMENTI DI ESPRESSIONE SCENICA ED IMPROVVISAZIONE. Fondamenti della sintassi teatrale, tecniche espressive a livello corporeo e verbale: studio dei caratteri con improvvisazioni individuali e di gruppo (metodi Stanislawskij e Orazio Costa) Il 29 novembre p.v. verrà riroposta una parte della lettura scenica "Sguardi di guerra in tempo di pace", che è stata presentata al Palazzo della Regione in occasione dell’anniversario della strage dei Georgofili.  
Fase 2
Laboratorio teatrale: Gennaio, febbraio - STUDIO E LETTURA SCENICA DI TESTI LETTERARI E DRAMMATURGICI CON ESERCIZI DI STILE Analisi e lettura espressiva di brani da testi significativi di diverso genere e stile. Esempi di adattamento scenico di testi nar  
Fase 3
Laboratorio teatrale: Marzo, aprile, maggio - ALLESTIMENTO DELLO SPETTACOLO Prove di lettura sull’adattamento teatrale del testo originale; distribuzione dei ruoli, montaggio; Realizzazione delle scenografie con inserimento di elementi multimediali, effetti luce e colonna sonora. Staff Costumi e Staff scenografie. Laboratorio giornalistico: Aprile, maggio ASSISTENZA A PROVE E SPETTACOLO TEATRALE Il 3 maggio, in occasione del cinquecentenario della morte di Leonardo da Vinci, e nell’ambito degli eventi previsti a questo scopo, la pièce teatrale "Nei misteri di Leonardo", di Eugenio Nocciolini, sarà allestita e recitata da attori Leonlab (orario pomeridiano, nei locali del Liceo -scheda finanziaria a parte)  
Fase 4
Fine maggio, giugno Laboratorio giornalistico: PRODUZIONE DEI TESTI, VALUTAZIONE E PREMIAZIONEI Gli elaborati verranno indirizzati alla Giuria di Giornalista per un giorno che li valuterà secondo i seguenti criteri: 1) correttezza linguistica 2) con  
Fase 5
 
Fase 6
 
Fase 7
 
Fase 8
 
Fase 9
 
METODOLOGIA
Creando un’atmosfera di fiducia e di allegra collaborazione, i ragazzi sono guidati a sperimentare i vari aspetti della drammatizzazione. Stimolati alla scoperta delle proprie risorse corporee, apprendono insensibilmente a esprimere le proprie emozioni, a  
DOCENTI INTERNI
MORESCALCHI Livia  
DOCENTI ESTERNI; PERSONALE ESTERNO
1.Duccio Baroni e Gabriele Giaffreda: regia, scrittura drammaturgica, allestimento in teatro; 2. Maria Capozza, Beatrice Boldrini, Liceo artistico L.B.Alberti: scenografie  
MONITORAGGIO VALUTAZIONE
Schede di rilevazione dei risultati strutturate sugli indicatori relativi agli obiettivi  
DOCUMENTAZIONE
Produzione di brevi note di commento e interpretazione e di testi da parte degli alunni durante e al termine delle singole fasi. Esperienze di collaborazione per l’allestimento (reperimento, catalogazione e trasporto di materiali, disegni, preparazione d  

WORKSHOP TEATRALE IN INGLESE (PtOF)

Scritto da Stefano Degl'Innocenti. Inserito in WORKSHOP TEATRALE

TITOLO PROGETTO
WORKSHOP TEATRALE IN INGLESE  
Attuazione PtOF 2018 2019
Priorità 1 e 2  
P02 - Progetti in ambito "Umanistico e sociale"  
Tipologia
Progetto avente natura annuale  
DOCENTE RESPONSABILE
BRIENZA Francesca  
ANALISI DEI BISOGNI
Il progetto viene presentato ormai da anni e gli alunni si sono sempre mostrati interessati ai workshop teatrali proposti dall’attrice Alex Griffin  
DESTINATARI
Alunni di tutte le classi  
FINALITÀ
Avvicinare gli studenti alla cultura del paese di cui studiano la lingua  
OBIETTIVI
Miglioramento della comprensione e della produzione in lingua, maggiore conoscenza dei testi letterari  
COLLABORAZIONI
 
DURATA
un’ora e trenta durante l’orario curriculare  
Fase 1
 
Fase 2
 
Fase 3
 
Fase 4
 
Fase 5
 
Fase 6
 
Fase 7
 
Fase 8
 
Fase 9
 
METODOLOGIA
 
DOCENTI INTERNI
 
DOCENTI ESTERNI; PERSONALE ESTERNO
 
MONITORAGGIO VALUTAZIONE
Ogni docente proseguirà come crede nelle prove di verifica  
DOCUMENTAZIONE
 

CORSO DI TEATRO IN LINGUA INGLESE (PtOF)

Scritto da Stefano Degl'Innocenti. Inserito in WorkshopTeatraleCorso

TITOLO PROGETTO
CORSO DI TEATRO IN LINGUA INGLESE  
Attuazione PtOF 2018 2019
Priorità 1 e 2  
P02 - Progetti in ambito "Umanistico e sociale"  
Tipologia
Progetto avente natura annuale  
DOCENTE RESPONSABILE
BRIENZA Francesca, DETTORI Gaia  
ANALISI DEI BISOGNI
Avendo constatato il successo del workshop teatrale che viene realizzato già da diversi anni in questo Liceo durante le ore curricolari, si è pensato di ampliare l’offerta formativa inserendo un progetto per un laboratorio di scuola di teatro in lingua inglese.  
DESTINATARI
Alunni di tutte le classi, Esclusi gli studenti delle classi prime  
FINALITÀ
Oltre al consolidamento delle competenze linguistiche e delle conoscenze letterarie, attraverso questo corso si potranno migliorare la pronuncia, l’intonazione e l’espressione orale della lingua inglese.  
OBIETTIVI
Obiettivi principali sono: avvicinare i ragazzi alla cultura inglese, migliorare la prossemica del public speaking e favorire la socializzazione fra studenti delle varie classi.  
COLLABORAZIONI
 
DURATA
Ottobre-dicembre 2018  
Fase 1
Il progetto si realizzerà in 6 incontri da 1,5 ore ciascuno (più 2 ore a disposizione per le prove finali) e si concluderà con una breve rappresentazione di un adattamento di una commedia di Shakespeare.  
Fase 2
 
Fase 3
 
Fase 4
 
Fase 5
 
Fase 6
 
Fase 7
 
Fase 8
 
Fase 9
 
METODOLOGIA
La metodologia più adeguata, anche in funzione del gruppo partecipante, sarà prescelta dalla regista Alex Griffin che terrà il corso.  
DOCENTI INTERNI
 
DOCENTI ESTERNI; PERSONALE ESTERNO
Alex Griffin - regista  
MONITORAGGIO VALUTAZIONE
Ogni insegnante di Lingua Inglese potrà somministrare, se lo riterrà opportuno, dei questionari agli alunni che hanno partecipato al corso di teatro per monitorare e valutare l’attività svolta.  
DOCUMENTAZIONE
 

LEONLAB Laboratorio Teatrale - Nei misteri di Leonardo

Scritto da Stefano Degl'Innocenti. Inserito in LABORATORIO TEATRALE (Celebrazione Leonardo)

TITOLO PROGETTO
LEONARDIANAMENTE "Nei misteri di Leonardo"  
Attuazione PtOF 2018 2019
Priorità 1 e 2  
P02 - Progetti in ambito "Umanistico e sociale"  
Tipologia
Progetto avente natura annuale  
DOCENTE RESPONSABILE
MANFREDI Lucia  
ANALISI DEI BISOGNI
Nell’occasione del cinquecentesimo anniversario della morte di Leonardo da Vinci, il nostro Istituto, a lui intitolato, propone una rassegna di eventi ispirati alla e dalla sua poliedrica figura. In tale contesto verrà proposta nei locali del Liceo la pièce teatrale "Nei misteri di Leonardo", ad opera degli studenti del Laboratorio Teatrale Leonlab. Ricerca d’archivio e testo drammaturgico di Eugenio Nocciolini, regia di Duccio Baroni e Gabriele Giaffreda. (durata: 1h e 30’) Leonardo Da Vinci, da sempre figura controversa eppure estremamente calata nel proprio periodo storico, aveva un nemico, un contendente, uno sfidante. Un genio dell’epoca che come lui percorreva le strade del Rinascimento italiano e in quelle strade mostrava il suo talento: Michelangelo. Fra loro ci furono controversie pittoriche ed anche umane, culminanti nella grande sfida per "La battaglia di Anghiari". Le loro stranezze si scontravano senza pietà in bellicosi scontri, concernenti perfino l’accesso ai cadaveri all’obitorio, sui quali entrambi gli artisti conducevano studi anatomici. Una storia di amore-odio, che Giorgio Vasari ci racconta delineando la figura di Leonardo da Vinci. Artista geniale e irrequieto. Esoterico e celestiale. Nel corso della performance si intersecheranno variamente apporti dagli altri eventi, creando intorno ad essi una suggestiva cornice.  
DESTINATARI
Alunni di tutte le classi  
FINALITÀ
Celebrare il cinquecentenario della morte di Leonardo da Vinci attraverso la realizzazione di una serie di eventi che saranno una vetrina di varie attività di eccellenza che da anni arricchiscono l’offerta formativa del nostro Liceo e che, ultimamente, sono state inserite nell’ambito dei percorsi di alternanza scuola-lavoro per il triennio.  
OBIETTIVI
- Promuovere una approfondita riflessione sulla poliedrica figura di Leonardo; - Incrementare il legame del Liceo col territorio, condividendo con famiglie ed ex-studenti, docenti e amici progetti e attività di eccellenza svolte nella scuola; - Creare un fil-rouge tra diversi percorsi di alternanza scuola-lavoro.  
COLLABORAZIONI
Eventuale collaborazione con la Leoband.  
DURATA
da ottobre 2018 al 3 maggio 2019  
Fase 1
- ricerca d’archivio  
Fase 2
- elaborazione del testo  
Fase 3
- montaggio e inserimento eventi in costume rinascimentale (durata: ore 20)  
Fase 4
-attività di sartoria teatrale finalizzata alla realizzazione di costumi rinascimentali (fase coordinata dalla referente laboratorio costumi Leonlab, durata: 20 ore).  
Fase 5
 
Fase 6
 
Fase 7
 
Fase 8
 
Fase 9
 
METODOLOGIA
Creando un’atmosfera di fiducia e di allegra collaborazione, i ragazzi sono guidati a sperimentare i vari aspetti della drammatizzazione. Stimolati alla scoperta delle proprie risorse corporee, apprendono insensibilmente a esprimere le proprie emozioni, a  
DOCENTI INTERNI
MORESCALCHI Livia  
DOCENTI ESTERNI; PERSONALE ESTERNO
drammaturgo, Eugenio Nocciolini; registi, Duccio Baroni e Gabriele Giaffreda; esperto coreutico, Federico Mariano.  
MONITORAGGIO VALUTAZIONE
Schede di rilevazione dei risultati strutturate sugli indicatori relativi agli obiettivi  
DOCUMENTAZIONE
Produzione di brevi note di commento e interpretazione e di testi da parte degli alunni durante e al termine delle singole fasi. Esperienze di collaborazione per l’allestimento (reperimento, catalogazione e trasporto di materiali, disegni, preparazione d  

Altri articoli...

UA-129005089-1